Guida sintetica alle detrazioni fiscali sui lavori edili e per l’acquisto di mobili e elettrodomestici


DETRAZIONI FISCALI SUI LAVORI DI
RISTRUTTURAZIONE, RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA E SULL’ACQUISTO DI MOBILI E ELETTRODOMESTICI

La detrazione fiscale del
65% per gli interventi di
riqualificazione energetica
e sismica degli edifici
scadrà ora il 31 dicembre 2016 e sarà sempre di 10 quote annuali
di pari importo. Saranno detraibili, con la medesima
percentuale, anche le spese per la bonifica dell’amianto
e l’installazione di schermature solari.

Nella
detrazione fiscale sono incluse anche le spese tecnico progettuali.

La detrazione fiscale del 50% sulle spese
di ristrutturazioni scadrà ora il 31 dicembre 2016 e sarà
sempre di 10 quote annuali di pari importo. Confermato il tetto
massimo di spesa di 96.000 euro per ogni unità
immobiliare. Confermato anche la detrazione delle spese per
l’eliminazione delle barriere architettoniche e la
detrazione delle spese per l’acquisto di mobili
ed elettrodomestici necessari per arredare
l’immobile oggetto di ristrutturazione.
Nella
detrazione fiscale sono incluse anche le spese tecnico progettuali.

—————————————————————————————————————————————–


Ristrutturazioni edilizie e acquisto mobili:
come detrarre le spese
sostenute.

DETRAZIONI
FISCALI


Premessa

L’Agenzia
delle Entrate ha pubblicato le versioni aggiornate a maggio 2014
della Guida alle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni e della
Guida al Bonus mobili ed elettrodomestici.

Viene confermato che la detrazione è ripartita, per tutti, in 10 anni.

Di
seguito si riporta la distinta sintetica della guida alle detrazioni.

Per maggiori
approfondimenti, consultare la pagina:

la corretta procedura per
appaltare i lavori edili di recupero edilizio e usufruire delle
detrazioni fiscali


LAVORI
EDILI PER IL RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO


Gli interventi edilizi ammessi e le fasce di recupero

La detrazione fiscale sugli interventi di

manutenzione
ordinaria
(solo sulle parti comuni degli edifici), manutenzione straordinaria, restauro e risanamento
conservativo e ristrutturazione edilizia

(per privati e condomini) compiuti sul patrimonio edilizio esistente di
carattere residenziale sono così agevolate.

Per il 2014, con una detrazione Irpef del
50%
e tetto di spesa fermo a 96.000 euro.

Nel 2016, la
detrazione fiscale resterà al 50%, con tetto di spesa sempre a
96.000
euro.

A quali casi si applica

La
detrazione si applica ai seguenti interventi e nei seguenti casi:

Per
le singole abitazioni private:

manutenzione
straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione
edilizia
effettuati sulle singole abitazioni;

Per i
condomini
residenziali (no
singole abitazioni):

Richiedi informazioni e/o consulenza gratuita

Finanziamenti - Agevolazioni - personali e aziendali

Tutela patrimoniale e assistenza giudiziale per i sovraindebitati "prestito fondo antiusura"

Operativi su tutto territorio Italiano

 

– in aggiunta alle opere di cui
sopra (manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo,
ristrutturazione edilizia) anche i lavori di manutenzione
ordinaria,
effettuati sulle parti comuni
dei condomini;

Per le
singole abitazioni residenziali e per i condomini residenziali,
in aggiunta ai
interventi di cui sopra la detrazione si applica anche per i seguenti
interventi:

– ricostruzione o
ripristino di immobili danneggiati da eventi calamitosi;

– interventi
antisismici su prime case ed edifici produttivi in zone sismiche ad alta
pericolosità;

– realizzazione di
autorimesse o posti auto pertinenziali;

– eliminazione delle
barriere architettoniche;

– domotica per favorire
la mobilità delle persone portatrici di handicap gravi;

– bonifica dall’amianto
e opere volte a evitare gli infortuni domestici;

– installazioni di
sistemi antifurto;

– cablatura degli
edifici e opere per il contenimento dell’inquinamento acustico.

– tulle le spese
tecnico progettuali.

Cosa
occorre per usufruire della detrazione fiscale sui lavori edili

Per
poter accedere alle detrazioni fiscali sulle opere edilizie si rende
necessario chiedere
l’autorizzazione edilizia
al
proprio
Comune
(tramite
Permesso di Costruire, SCIA, DIA o CILA), avvalendosi un tecnico
abilitato
iscritto all’albo professionale. In assenza di regolare
autorizzazione edilizia si perdono i diritti alla detrazione fiscale.

In presenza di un
condominio, o una palazzina multiproprietà, tutta la parte
burocratica (riscossione quote, pagamenti fatture, certificazioni
finali, firma atti autorizzativi, ecc.) deve essere svolta da un amministratore di condominio.

Tutti i pagamenti devono essere effettuati tramite

bonifici bancari o postali

Inoltre

nella dichiarazione dei redditi

bisogna

indicare i dati catastali identificativi dell’immobile
e conservare: la comunicazione preventiva all’ASL indicante la data di
inizio dei lavori se obbligatoria secondo le norme sulla sicurezza dei
cantieri, le fatture e le ricevute fiscali comprovanti le spese sostenute e
le
ricevute dei bonifici.


BONUS
MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

Richiedi informazioni e/o consulenza gratuita

Finanziamenti - Agevolazioni - personali e aziendali

Tutela patrimoniale e assistenza giudiziale per i sovraindebitati "prestito fondo antiusura"

Operativi su tutto territorio Italiano

 


È
detraibile anche il 50% delle spese
sostenute fino al
31 dicembre 2015
per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici di classe
energetica non inferiore alla A+ (A per i forni), purchè l’acquisto
venga effettato contestualmente alla realizzazione di lavori edili
,
previa richiesta di autorizzazione edilizia al Comune. Il tetto di spesa è
fissato a 10.000,00 euro. La spesa è agevolabile al 50%
indipendentemente dal prezzo pagato per la ristrutturazione
dell’abitazione.

La
detrazione si ottiene indicando le spese sostenute nella dichiarazione
dei redditi (modello 730 o modello Unico persone fisiche). Occorre
effettuare i pagamenti con bonifici bancari o postali, sui quali va
indicato: la causale del versamento; il codice fiscale del beneficiario
della detrazione; il numero di partita Iva o il codice fiscale del
soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

Stesse modalità devono essere osservate per il pagamento delle spese di
trasporto e montaggio dei beni. È consentito effettuare i pagamenti
anche con carte di credito o di debito. La detrazione è spalmata in
10
anni

La
data di acquisto dei beni deve essere successiva a quella di inizio
della ristrutturazione.

Vi
sono vari casi in cui si possono perdere i diritti alla detrazione
fiscale sui costi sostenuti per le opere edili. Il caso principale
è quando i lavori vengono fatti senza la prescritta autorizzazione
comunale
redatta da un tecnico abilitato. In questo caso, non
solo i lavori vengono considerati abusivi e, se scoperti, sanzionati (la
multa varia da caso
a caso), ma si perdono tutti i diritti alla detrazione fiscale sui
lavori e l’Agenzia delle Entrate chiederà di restituire le eventuali
somme già portate in detrazione.

Per
quanto riguarda i condomini, anche nei casi

in cui non scatta l’obbligo per l’amministratore (in quanto i
proprietari non sono superiori a otto), quando si rende necessario
effettuare dei lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria o di
ristrutturazione, si consiglia
vivamente di nominare un amministratore per il tempo necessario a seguire
tutta la prassi dei lavori, ivi comprese le certificazioni per la
detrazione fiscale sui lavori. Il tutto per assicurarsi che la procedura
venga eseguita correttamente e quindi evitare la perdita delle
detrazione fiscale.

Source

L’articolo Guida sintetica alle detrazioni fiscali sui lavori edili e per l’acquisto di mobili e elettrodomestici proviene da Adessonews aggregatore di news: replica gli articoli dalla rete senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione. Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli in qualsiasi momento..

Richiedi informazioni e/o consulenza gratuita

Finanziamenti - Agevolazioni - personali e aziendali

Tutela patrimoniale e assistenza giudiziale per i sovraindebitati "prestito fondo antiusura"

Operativi su tutto territorio Italiano

 

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto   dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.   Per richiedere la rimozione degli articoli clicca qui.    

Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza

---------------------

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: