Darsena Rimini rischio chiusura, assessore Frisoni: “Comune fatto possibile per fermare iter”

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine

L’assessore al Demanio, Roberta Frisoni, spiega la posizione del Comune di Rimini sulla vicenda che sta mettendo seriamente a rischio il futuro di Marina Blu, la società della darsena turistica.

“Sulla questione canoni demaniali marittimi da applicarsi alle darsene turistiche – scrive Frisoni – che, com’è noto, la legge finanziaria per l’anno 2007 ha aumentato sensibilmente (per Rimini il canone è più che quadruplicato), il Comune di Rimini si è attivato sin da subito affinché il legislatore modificasse la normativa di riferimento”.

“Quanto sopra in ogni sede istituzionale:
– con diverse note all’Agenzia del Demanio perché appoggiasse un’eventuale revisione normativa,
– attraverso ANCI anche proponendo proposte di legge, ricordo che soltanto un anno fa il Sindaco di Rimini con il Presidente dell’Anci De Caro ha inviato una nota a tutti i sindaci affinchè si impegnassero in ogni modo a sensibilizzare il Parlamento sulla questione;
– attraverso gli onorevoli in Parlamento, e in particolare nella precedente legislatura con l’onorevole Arlotti che con il supporto dell’amministrazione comunale di Rimini ha lavorato su una proposta di emendamento della legge che purtroppo non è mai andata in porto”.

“Una attività articolata e a ogni livello portata avanti a fianco di Marina Blu e delle altre marine italiane. Una attività quotidiana e riconosciuta anche quest’oggi dal presidente della spa Luigi Ferretti in un articolo pubblicato dal Sole 24 Ore. Con Marina di Rimini i contatti sono costanti con il Sindaco, la Giunta e l’apparato amministrativo. Affermare il contrario significa semplicemente far torto alla realtà dei fatti”.

“L’Amministrazione ha da tempo instaurato un intenso dialogo con l’Agenzia del Demanio al fine di individuare un percorso che, nelle more dell’affermazione di un orientamento giurisprudenziale più univoco, sospendesse le procedure di riscossione coattiva”.

“Vale forse la pena richiamare come in materia di canoni il Comune abbia esclusivamente il compito di quantificarne e richiederne l’importo nel rispetto delle leggi e delle circolari ministeriali ma è estraneo sia alla loro determinazione sia alla fase di riscossione coattiva che rimangono di competenza dello Stato”.

“Purtroppo la questione canoni fa parte della più ampia problematica relativa del riordino della materia delle concessioni e dei canoni che il legislatore sta rinviando da anni. Una vicenda che tra l’altro, vede anche un complesso quadro giuridico dove è intervenuta anche la Corte Costituzionale e dove il Consiglio di Stato in sede rescissoria, esprimendosi su ricorsi riguardanti le annualità 2007, 2008, 2009 per Marina Blu, a valle della sentenza della Corte Costituzionale, ha confermato in via definitiva la legittimità del calcolo del canone effettuato, mentre in altri contesti TAR regionali (Toscana, Molise e Sardegna ma non Emilia Romagna) hanno imposto a Comuni o Regioni di ricalcolare i canoni.

“Davanti a questo panorama frastagliato e disomogeneo – conclude Roberta Frisoni – anche e soprattutto dal punto di vista giudiziario, riguardando il problema l’intera panorama delle darsene turistiche del Paese, il legislatore può e deve raccogliere senza perdere altro tempo le iniziative e le attività a sostegno portate avanti dai Comuni, Rimini in testa, in sinergia con le imprese private”.

L’articolo Darsena Rimini rischio chiusura, assessore Frisoni: “Comune fatto possibile per fermare iter” proviene da Chiamamicitta.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine